Home » Codice Deontologico

Codice Deontologico

Nel pieno rispetto del Codice Deontologico anche nel Web

PUBBLICITA’ DELL’INFORMAZIONE SANITARIA
LINEA-GUIDA
INERENTE L’APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57
DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA
1. PREMESSA
La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica è
riferita a qualsivoglia forma di pubblicità dell’informazione, comunque e con qualsiasi mezzo
diffusa, compreso l’uso di carta intestata e di ricettari, utilizzata nell’esercizio della professione in
forma individuale o societaria o comunque nello svolgimento delle funzioni di Direttore sanitario di
strutture autorizzate.
2. DEFINIZIONI
Ai fini della presente linea-guida, si intendono:
Prestatore di servizi: la persona fisica (medico o odontoiatra) o giuridica (struttura sanitaria
pubblica o privata) che eroga un servizio sanitario. Nella presente linea-guida si usa la parola
“medico” al posto di “prestatore di servizi”, pur riferendosi ugualmente a persone fisiche o
giuridiche.
Pubblicità: qualsiasi forma di messaggio, in qualsiasi modo diffuso, con lo scopo di promuovere le
prestazioni professionali in forma singola o societaria. La pubblicità deve essere, comunque,
riconoscibile, veritiera e corretta.
Pubblicità ingannevole: qualsiasi pubblicità che in qualunque modo, compresa la sua presentazione,
sia idonea ad indurre in errore le persone fisiche o giuridiche alle quali è rivolta o che essa
raggiunge, e che, a causa del suo carattere ingannevole, possa pregiudicare il loro comportamento.
Pubblicità comparativa: qualsiasi pubblicità che pone a confronto in modo esplicito o implicito uno
o più concorrenti di servizi rispetto a quelli offerti da chi effettua la pubblicità.
Informazione sanitaria: qualsiasi notizia utile e funzionale al cittadino per la scelta libera e
consapevole di strutture, servizi e professionisti. Le notizie devono essere tali da garantire sempre la
tutela della salute individuale e della collettività.
3. ELEMENTI COSTITUTIVI DELL’INFORMAZIONE SANITARIA
Il medico su ogni comunicazione informativa dovrà inserire:
- nome e cognome
- il titolo di medico chirurgo e/o odontoiatra
- il domicilio professionale
L’informazione tramite siti Internet deve essere rispondente al D.Lgs n. 70 del 9 aprile 2003 e dovrà
contenere:
- il nome, la denominazione o la ragione sociale;
- il domicilio o la sede legale;
- gli estremi che permettono di contattarlo rapidamente e di comunicare direttamente ed
efficacemente, compreso l'indirizzo di posta elettronica;
- l'Ordine professionale presso cui è iscritto e il numero di iscrizione;
- gli estremi della laurea e dell’abilitazione e l’Università che li ha rilasciati;
- la dichiarazione, sotto la propria responsabilità, che il messaggio informativo è diramato nel
rispetto della presente linea guida;
- il numero della partita IVA qualora eserciti un'attività soggetta ad imposta.
Inoltre dovrà contenere gli estremi della comunicazione inviata all’Ordine provinciale relativa
all’autodichiarazione del sito Internet rispondente ai contenuti della presente linea-guida.
I siti devono essere registrati su domini nazionali italiani e/o dell’Unione Europea, a garanzia
dell’individuazione dell’operatore e del committente pubblicitario.
4. ULTERIORI ELEMENTI DELL’INFORMAZIONE
- i titoli di specializzazione, di libera docenza, i master universitari, dottorati di ricerca, i titoli di
carriera, titoli accademici ed eventuali altri titoli. I titoli riportati devono essere verificabili; a
tal fine è fatto obbligo indicare le autorità che li hanno rilasciati e/o i soggetti presso i quali
ottenerne conferma;
- il curriculum degli studi universitari e delle attività professionali svolte e certificate anche
relativamente alla durata, presso strutture pubbliche o private, le metodiche diagnostiche e/o
terapeutiche effettivamente utilizzate e ogni altra informazione rivolta alla salvaguardia e alla
sicurezza del paziente, certificato negli aspetti quali-quantitativi dal direttore o responsabile
sanitario;
- il medico non specialista può fare menzione della particolare disciplina specialistica che
esercita, con espressioni che ripetano la denominazione ufficiale della specialità e che non
inducano in errore o equivoco sul possesso del titolo di specializzazione, quando abbia svolto
attività professionale nella disciplina medesima per un periodo almeno pari alla durata legale del
relativo corso universitario di specializzazione presso strutture sanitarie o istituzioni private a
cui si applicano le norme, in tema di autorizzazione e vigilanza, di cui all’art. 43 della Legge 23
dicembre 1978, n. 833. L’attività svolta e la sua durata devono essere comprovate mediante
attestato rilasciato dal direttore o dal responsabile sanitario della struttura o istituzione:
- nell’indicazione delle attività svolte e dei servizi prestati può farsi riferimento al Tariffario
Nazionale o ai Nomenclatori Regionali. L’Ordine valuterà l’indicazione di attività non
contemplate negli elenchi di cui sopra, in modo particolare le cosiddette Medicine e Pratiche
non convenzionali già individuate quale atto medico dalla FNOMCeO e, comunque, per tali
finalità già oggetto di specifiche deliberazioni del Comitato Centrale. In ogni caso dovranno
restare escluse le attività manifestamente di fantasia o di natura meramente reclamistica, che
possono attrarre i pazienti sulla base di indicazioni non concrete o veritiere;
- ogni attività oggetto di informazione deve fare riferimento a prestazioni sanitarie effettuate
direttamente dal professionista e, ove indicato, con presidi o attrezzature esistenti nel suo studio.
In ogni caso l’effettiva disponibilità di quanto necessario per l’effettuazione della prestazione
nel proprio studio costituirà elemento determinante di valutazione della veridicità e trasparenza
del messaggio pubblicitario;
- pagine dedicate all’educazione sanitaria in relazione alle specifiche competenze del
professionista;
- l’indirizzo di svolgimento dell’attività, gli orari di apertura, le modalità di prenotazione delle
visite e degli accessi ambulatoriali e/o domiciliari, l’eventuale presenza di collaboratori e di
personale con l’indicazione dei relativi profili professionali e, per le strutture sanitarie, le
branche specialistiche con i nominativi dei sanitari afferenti e del sanitario responsabile. Può
essere pubblicata una mappa stradale di accesso allo studio o alla struttura;
- le associazioni di mutualità volontaria con le quali ha stipulato convenzione;
- laddove si renda necessario ai fini della chiarezza informativa e nell’interesse del paziente, il
medico utilizza, ove non già previsto, il cartellino o analogo mezzo identificativo fornito
dall’Ordine;
- nel caso in cui il professionista desideri informare l’utenza circa le indagini statistiche relative
alle prestazioni sanitarie, deve fare esclusivo riferimento ai dati resi pubblici e/o e comunque
elaborati dalle autorità sanitarie competenti.
In caso di utilizzo dello strumento Internet è raccomandata la conformità dell’informazione fornita
ai principi dell’HONCode, ossia ai criteri di qualità dell’informazione sanitaria in rete. Inoltre in
tali forme di informazione possono essere presenti:
- collegamenti ipertestuali purché rivolti soltanto verso autorità, organismi e istituzioni
indipendenti (ad esempio: Ordini professionali, Ministero della Salute, Istituto Superiore di
Sanità, Servizio Sanitario Regionale, Università, Società Scientifiche);
- spazi pubblicitari tecnici al solo scopo di fornire all’utente utili strumenti per la navigazione (ad
esempio: collegamenti per prelevare software per la visualizzazione dei documenti, per la
compressione dei dati, per il download dei files).
5. REGOLE DEONTOLOGICHE
Quale che sia il mezzo o lo strumento comunicativo usato dal medico:
- non è ammessa la pubblicità ingannevole, compresa la pubblicazione di notizie che ingenerino
aspettative illusorie, che siano false o non verificabili, o che possano procurare timori infondati,
spinte consumistiche o comportamenti inappropriati;
- non è ammessa la pubblicazione di notizie che rivestano i caratteri di pubblicità personale
surrettizia, artificiosamente mascherata da informazione sanitaria;
- non è ammessa la pubblicazione di notizie che siano lesive della dignità e del decoro della
categoria o comunque eticamente disdicevoli;
- non è ammesso ospitare spazi pubblicitari, a titolo commerciale con particolare riferimento ad
aziende farmaceutiche o produttrici di dispositivi o tecnologie operanti in campo sanitario, né,
nel caso di internet, ospitare collegamenti ipertestuali ai siti di tali aziende o comunque a siti
commerciali;
- per quanto concerne la rete Internet, il sito web non deve ospitare spazi pubblicitari o link
riferibili ad attività pubblicitaria di aziende farmaceutiche o tecnologiche operanti in campo
sanitario;
- non è ammessa la pubblicizzazione e la vendita, né in forma diretta, né, nel caso di Internet,
tramite collegamenti ipertestuali, di prodotti, dispositivi, strumenti e di ogni altro bene o
servizio;
- è consentito diffondere messaggi informativi contenenti le tariffe delle prestazioni erogate,
fermo restando che le caratteristiche economiche di una prestazione non devono costituire
aspetto esclusivo del messaggio informativo.
6. PUBBLICITA’ DELL’INFORMAZIONE TRAMITE INTERNET
Per le forme di pubblicità dell’informazione tramite Internet, il professionista dovrà comunicare
all’Ordine provinciale di iscrizione (in caso di strutture sanitarie tale onere compete al Direttore
Sanitario) di aver messo in rete il sito, dichiarando la conformità deontologica alla presente lineaguida.
7. UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA PER MOTIVI CLINICI
L’utilizzo della posta elettronica (e-mail) nei rapporti con i pazienti è consentito purché vengano
rispettati tutti i criteri di riservatezza dei dati e dei pazienti cui si riferiscono ed in particolare alle
seguenti condizioni:
- ogni messaggio deve contenere l’avvertimento che la visita medica rappresenta il solo strumento
diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli forniti via e-mail vanno
intesi come meri suggerimenti di comportamento; va altresì riportato che trattasi di
corrispondenza aperta;
- è rigorosamente vietato inviare messaggi contenenti dati sanitari di un paziente ad altro
paziente o a terzi;
- è rigorosamente vietato comunicare a terzi o diffondere l’indirizzo di posta elettronica dei
pazienti, in particolare per usi pubblicitari o per piani di marketing clinici;
- qualora il medico predisponga un elenco di pazienti suddivisi per patologia, può inviare
messaggi agli appartenenti alla lista, evitando che ciascuno destinatario possa visualizzare dati
relativi agli altri appartenenti alla stessa lista;
- l’utilizzo della posta elettronica nei rapporti fra colleghi ai fini di consulto è consentito purché
non venga fornito il nominativo del paziente interessato, né il suo indirizzo, né altra
informazione che lo renda riconoscibile, se non per quanto strettamente necessario per le finalità
diagnostiche e terapeutiche;
- la disponibilità di sistemi di posta elettronica sicurizzati equiparati alla corrispondenza chiusa,
può consentire la trasmissione di dati sensibili per quanto previsto dalla normativa sulla tutela
dei dati personali.
8. UTILIZZO DELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE NAZIONALI E LOCALI, DI
ORGANI DI STAMPA E ALTRI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE
DELLE NOTIZIE
Nel caso di informazione sanitaria, il medico che vi prende parte a qualsiasi titolo non deve,
attraverso lo strumento radiotelevisivo, gli organi di stampa e altri strumenti di comunicazione,
concretizzare la promozione o lo sfruttamento pubblicitario del suo nome o di altri colleghi. Il
medico è comunque tenuto al rispetto delle regole deontologiche previste al punto 5) della presente
linea-guida.
Nel caso di pubblicità dell’informazione sanitaria il medico è tenuto al rispetto di quanto previsto ai
punti 3) 4) e 5) della presente linea-guida.
9. VERIFICA E VALUTAZIONE DEONTOLOGICA
I medici chirurghi e gli odontoiatri iscritti agli Albi professionali sono tenuti al rispetto della
presente linea-guida comunicando all’Ordine competente per territorio il messaggio pubblicitario
che si intende proporre onde consentire la verifica di cui all’art. 56 del Codice stesso.
La verifica sulla veridicità e trasparenza dei messaggi pubblicitari potrà essere assicurata tramite
una specifica autodichiarazione, rilasciata dagli iscritti, di conformità del messaggio pubblicitario,
degli strumenti e dei mezzi utilizzati alle norme del Codice di Deontologia Medica e a quanto
previsto nella presente linea-guida sulla pubblicità dell’informazione sanitaria.
Gli iscritti potranno altresì avvalersi di una richiesta di valutazione preventiva e precauzionale da
presentare ai rispettivi Ordini di appartenenza sulla rispondenza della propria comunicazione
pubblicitaria alle norme del Codice di Deontologia Medica. L’Ordine provinciale, ricevuta la
suddetta richiesta, provvederà al rilascio di formale e motivato parere di eventuale non rispondenza
deontologica.
L’inosservanza di quanto previsto dal Codice secondo gli orientamenti della presente linea-guida è
punibile con le sanzioni comminate dagli organismi disciplinari previsti dalla legge.
La FNOMCeO predisporrà laddove opportuno ulteriori atti di indirizzo e coordinamento.